Errore
  • XML Parsing Error at 2:32. Error 76: Mismatched tag

Il lago più grande d'Italia

 

 

 

 

 

Lago di Garda

Il Lago di Garda è il maggiore dei laghi italiani e presenta una serie infinita di particolarità storiche e naturali.
La sua origine è legata alle vicende geologiche che hanno portato alla formazione delle Prealpi: una fascia di rocce sedimentarie successivamente scavate dal ritiro dei ghiacciai che hanno modellato anche l'anfiteatro morenico e la piallatura delle pareti rocciose nella parte settentrionale del lago.
Lo spettacolo del Lago è molto piacevole tanto che J.W.Goethe, uno dei maggiori scrittori tedeschi, scrisse: "Per questa sera mi sarei già potuto trovare a Verona ma a pochi passi da me c'era questo maestoso spettacolo della natura, quel delizioso quadro che è il Lago di Garda. Ed io non ho voluto rinunciarvi; mi trovo generosamente compensato di aver allungato il cammino... con ardente desiderio vorrei che i miei amici si trovassero un momento qui con me per poter gioire alla vista che mi sta innanzi".

Il nome attuale, lago di Garda, è attestato fin dal Medioevo, mentre Benàco era il nome con cui era conosciuto il lago fin dall'epoca romana. Il primo toponimo è di origine germanica, mentre il secondo è quasi sicuramente di origine celtica, precedente quindi al dominio romano. La voce latina Benacus indicherebbe un dato geografico del lago: bennacus, cioè dai molti promontori. Garda prende nome, invece, dall'omonima cittadina sulla sponda veronese del lago.
Il toponimo Garda, con il quale è chiamato il lago fin dal VIII secolo, come testimoniano alcuni documenti, è l'evoluzione della voce germanica warda, ovvero guardia, luogo elevato atto ad osservazioni militari o castelliere di sbarramento.

 


Vista spettacolare sul Lago di Garda

Vista spettacolare sul Lago di Garda

Località del territorio

 

Con il patrocinio e la collaborazione

 

Tutti i diritti riservati - © Comune di Brentino Belluno - Piazza Z. Gelmetti n.1, Brentino Belluno, VR, ITALY - P.IVA e C.F.: 00659140230
Privacy Policy -
CREDITS